Narcisi

Narciso venne da me per specchiarsi e a lungo fui il suo specchio. Gli raccontai le mie storie e lui le sue, gli dissi del mio amore e lui del suo. Giurammo fosse eterno. Tempo dopo mi svelò il segreto della vita facile, e io gli credetti. E il cuore si ammalò. E non sapendo le parole smisi di raccontare.

Un giorno Narciso si travestì da Leone e si allontanò. Io lo cercai e lo trovai. E lo spiai. Ma non vidi il Leone. Vidi il coniglio. E vidi la iena. E vidi ancora Narciso. Specchiarsi in un altro specchio. Allora afferrai un coltello e gli aprii il petto. Ma al posto del cuore trovai la paglia e un acciarino.

Richiusi bene tutto. Mi voltai. E tornai tra le tigri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...